Debutta quest’anno “Povero Teatro…!” nuova rassegna che vuole portare il teatro nei parchi delle ville e nei luoghi più suggestivi del veronese. Quattro spettacoli per cinque date accompagneranno e intratterranno il pubblico dalla fine di maggio ai primi giorni di luglio, tra Verona e Negrar.

Pubblicato il da nella categoria: Teatro.

La rassegna è organizzata dall’Associazione Culturale Quinta Parete, per la direzione artistica di Federico Martinelli, grazie all’ospitalità di Enrico Cascella di Villa Spinosa, di Giovanni Bertani di Villa Mosconi Bertani, del col. Walter Di Domenica del Circolo Ufficiali e della dottoressa Paola Marini, direttrice dei Musei Civici di Verona.

Particolare attenzione è stata data agli spettacoli in cui, a essere valorizzata, è l’azione teatrale che, unitamente alla voce di un attore, costituiscono gli elementi cardine di uno spettacolo teatrale.

Parafrasando difatti un celebre saggio di Jerzy Grotowski, la rassegna vuole dimostrare come, con pochi elementi funzionali, sia possibile allestire o proporre uno spettacolo di qualità.

A questa prima edizione partecipano attori già noti al pubblico veronese che si cimenteranno in nuove o inconsuete drammaturgie con l’intento di dimostrare come, alcune forme teatrali considerate di nicchia, possano invece essere gradite da un più ampio pubblico.

Andrea de Manincor, Francesco Laruffa, Guido Ruzzenenti, Massimo Totola, Roberto Vandelli, avendo creduto in questo progetto, anche per il prestigio in cui gli spettacoli sono proposti, sono gli iniziatori di una rassegna che si terrà anche durante il periodo invernale.

Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.15 e si svolgeranno anche in caso di pioggia.

Info e prevendite 349.6171250

Elenco spettacoli, date e luoghi

ROSSO PROFONDO – di Luigi Lunari, con Roberto Vandelli
Un uomo politico, nel giorno del suo insediamento, riceve la notizia che gli resta poco da vivere. Decide di dedicarsi all’utopistico ideale del socialismo in cui credeva da ragazzo; il suo “semplice” progetto si scontra con le esigenze di tutti i partiti che, considerandolo un pericolo, decidono di ostacolare a tutti i costi il suo piano…
VERONA, Tomba di Giulietta, via del Pontiere 35 – 29 MAGGIO
NEGRAR, Villa Mosconi Bertani, loc. Novare, Arbizzano 2 GIUGNO

IL CIELO LASSÙ da Slavomir Mrozek, con Massimo Totola e Guido Ruzzenenti
Due uomini, un intellettuale e un muratore, che condividono un monolocale si ritrovano a passare insieme l’ultima notte dell’anno. Mentalmente e socialmente uno l’opposto dell’altro, posti a confronto, si raccontano e si scontrano, in un gioco di doppi che è tragico, comico e grottesco. Uno spettacolo che punta dritto al cuore.
NEGRAR, Villa Spinosa, via Colle Masua 12, loc. Jago dall’Ora – 13 GIUGNO

VERONA-MILAN 5-3 di Diego Alverà, con Andrea de Manincor
20 maggio 1973: in un’assolata domenica allo stadio Bentegodi un bambino assiste, seduto sulle ginocchia di suo padre, alla partita di chiusura del campionato italiano diserie A, lo storico incontro Verona-Milan conclusosi con l’incredibile risultato di 5-3. I ricordi e le suggestioni dal quel prato ritrovano i suoni e le immagini di un passato in bianco e nero.
NEGRAR, Villa Spinosa, via Colle Masua 12, loc. Jago dall’Ora – 26 GIUGNO

SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO da Fëdor Dostoevskij, con Francesco Laruffa
Il monologo è una lucida e possente parabola della natura umana. Il protagonista, forse un pazzo, forse un folle, forse un illuso o un predestinato è uno dei tipici personaggi dello scrittore russo. La notte in cui decide di togliersi la vita sogna questo estremo gesto e un’altra vita su un pianeta identico al nostro, una sorta di Eden in cui gli uomini vivono in un’armonia assoluta. Ma in sogno accadrà qualcosa che una volta sveglio, cambierà la sua esistenza.
VERONA, Circolo Ufficiali, Corso Castelvecchio -9 LUGLIO

Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

LA VOCE DEL PADRONE La voce del padrone B3
QUINTAPARETE
VERONAÈ TV
Già, può sembrare strano! Talvolta stima e amicizia di una persona ti colpiscono inaspettatamente. E ti trovi compiaciuto. Fu così che un giorno di diversi…