Il teatro nero è il teatro dell'illusione, mostra ciò che non esiste.

Pubblicato il da nella categoria: Arte.

Corso di Teatro Nero
(docente Barbara Forneron)
Il palcoscenico è nero, quasi a rappresentare il nulla; da esso scaturiscono l’idea, il gesto, il movimento. Si vede ciò che si vuol fare credere, mentre si può solo immaginare ciò che veramente è.
Il teatro nero è un teatro diverso dagli altri: la presenza intensa del nero è carico di fantasia. Chi agisce non è visto, è invisibile. Il movimento esprime il non verbale e viene rappresentato ciò che nella realtà non esiste.
L’irreale diviene realtà, l’inanimato assume nuove forme e movimenti, catturando immediatamente l’attenzione.
Gli attori, resi invisibili da abiti neri, muovono oggetti bianchi o fluorescenti che, grazie alla lampada di wood, prendono vita. La parola passa in secondo piano a favore di un gioco teatrale di forme.

Tipo di attività prevista:
Sperimentazione di una attività teatrale innovativa, in una dimensione irreale e fantastica.
Approccio alle prime tecniche del teatro nero.
Scelta di un racconto/favola/testo/situazione da rappresentare (possibilità di scegliere un testo di scrittura creativa prodotto all’interno dello stage).
Creazione degli oggetti (con cartoncini, colla, spago, vernice fluo, materiale di recupero ecc.) per la rappresentazione, proponendo idee e soluzioni personali divertenti e fantasiose.
Scelta (fondamentale) delle musiche/effetti sonori riprodotti o suonati, quale stimolo per l’associazione gesto-suono.
Rappresentazione del lavoro svolto.

Obiettivi:
Acquisire nuovi mezzi espressivi, favorire la comunicazione attraverso un linguaggio diverso, stimolare la capacità di ascolto, sviluppare la creatività personale.

Barbara Forneron:
Diplomata in Arpa presso il Conservatorio “E. Dall’Abaco” di Verona, insegna Educazione Musicale da trent’anni nella Scuola secondaria di primo grado, attualmente nella sede di Marzana “A. Caperle”.
Ha suonato per la Gioventù Musicale, tiene concerti di arpa come solista o in gruppi da camera e lezioni come docente di questo strumento.
Ha frequentato corsi presso l’Istituto Orff di Salisburgo.
Partecipa ogni anno ai corsi di aggiornamento di didattica e pedagogia musicale secondo l’idea metodologica di C. Orff, che si svolgono presso il Centro Carraro, tenuti dalla SIMEOS (Società Italiana Musica Elementare Orff-Schulwerk, ente formatore accreditato presso il Ministero dell’Istruzione).
Ha seguito il Corso di Formazione Avanzata sulla metodologia Orff-Schulwerk di 130 ore che si è svolto da settembre 2006 a maggio 2007.
Svolge, da più di dieci anni, laboratori scolastici di Teatro Nero per ragazzi, vincendo riconoscimenti e premi.
Ha tenuto corsi per bambini della Scuola Materna, Primaria e per Maestre sempre della Scuola Primaria.
?

Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

LA VOCE DEL PADRONE La voce del padrone B3
QUINTAPARETE
VERONAÈ TV
Già, può sembrare strano! Talvolta stima e amicizia di una persona ti colpiscono inaspettatamente. E ti trovi compiaciuto. Fu così che un giorno di diversi…